“Pensieri di donne” nate di maggio: Luce Irigaray.

Buon compleanno alla geniale Luce Irigaray, filosofa e femminista belga naturalizzata francese: il 3 maggio compie ottantanove anni.

articolo di ©Patrizia Cordone maggio 2019 ©L’Agenda delle Donne, il blog di Patrizia Cordone. Tutti i diritti d’autore riservati. Si vieta tassativamente l’uso del “copia-ed-incolla” di tutti gli articoli riportati dal presente sito ai sensi delle disposizioni di legge a protezione dei diritti d’autore – copyright. Le infrazioni sono perseguite a rigore di legge contemplante i diritti d’autore presso l’Autorità giudiziaria territoriale competente.

luce irigaray - l'agenda delle donne, il blog di Patrizia Cordone.
luce irigaray – l’agenda delle donne, il blog di Patrizia Cordone.

Dopo il conseguimento della laurea in psicologia ed il diploma in psicopatologia, iscrittasi all’Ecole Freudienne de Paris, fondata da J. Lacan ha scritto il suo dottorato “speculum, de l’autre femme”, un’acuta critica sia a Freud che a Lacan sulla sessualità femminile concepita monca da entrambi rispetto a quello maschile, segnando la sua rottura con il mondo psicanalitico. Ne contesta il fallocentrismo assoluto e l’appiattimento neutro, supino della visione della donna sia in termini psicanalistici che linguistici. A tutti gli effetti per il femminismo questo testo, pubblicato in Italia nel 1975, é un classico fondamentale del pensiero della differenza, attorno a cui ha articolato i suoi studi successivi di importanza assoluta sia in merito all’ordine simbolico che al linguaggio come parte fondamentale di consapevolezza del proprio valore non in rapporto all’uomo ma alla donna stessa. Secondo Luce Irigaray il linguaggio deve essere decostruito così che ne venga svelato il carattere falsamente neutro, dovrà allora essere costruito un nuovo linguaggio, portatore di nuovi valori. Una simile parola non può risultare da un insegnamento ricevuto: deve essere assunta liberamente da ciascuno e ciascuna fuori dai vincoli delle abitudini e delle consuetudini.Altri testi suoi famosi sono: Questo sesso che non è un sesso, Feltrinelli, 1978; Etica della differenza sessuale, Feltrinelli, 1985;
Sessi e genealogie, La Tartaruga, 1987;
Il tempo della differenza, Editori Riuniti, 1989;
Parlare non è mai neutro, Editori Riuniti, 1991.

articolo di ©Patrizia Cordone maggio 2019 ©L’Agenda delle Donne, il blog di Patrizia Cordone. Tutti i diritti d’autore riservati.

Avviso: tutti i testi pubblicati da L’Agenda delle Donne, il blog di Patrizia Cordone  sono protetti dai diritti d’autore. Si vieta tassativamente l’uso del “copia-ed-incolla” di tutti gli articoli riportati dal presente sito ai sensi delle disposizioni di legge a protezione dei diritti d’autore – copyright. Sia per intero che parzialmente né le immagini originali create dal presente Sito,  né i testi di tutti gli articoli originali di questo Sito, né i prologhi originali di questo Sito ad introduzione degli articoli, né le traduzioni compiute dal presente Sito NON sono utilizzabili altrove per nessuna finalità. Le infrazioni sono perseguite a rigor di legge presso l’Autorità Giudiziaria territoriale competente. Qualunque altra manomissione e qualunque altro uso sono perseguiti con molta severità in sede giudiziaria. Leggere attentamente la sezione impressum-avvertenza generale. Le infrazioni saranno perseguite a rigore di legge.

letture consigliate per una migliore conoscenza del sito:

Patrizia Cordone, l’autrice 

il manifesto del sito   il sito militante    la mappa